2+2 farà sempre 4, è semplicità calcolata, perfezione matematica. Accade lo stesso se la sartorialità incontra la geometria delle forme, minimale si lega a essenziale, se la moda supera spazio e tempo e diventa immortale, celebrazione di capi basic-chic in cui la soft revolution delle linee classiche flirta con l’allure metropolitana, la funzionalità bacia l’unicità. L’eleganza è un gioco, saperla indossare un’arte. Per i digital boomers, i millenials, i curiosi e i sognatori instancabili, Victorvictoria esercita orgoglio di stile e semplicità. Maschile e femminile si svestono di ogni definizione, lui e lei – S/HE – guardano il medesimo specchio, riflettendo la stessa attitudine ma da punti di vista formali differenti, accomunati da un sofisticato parallelismo.

Esercitare l’orgoglio della semplicità calcolata, dello stile e dell’eleganza, pensare all’uomo e alla donna come sofisticato parallelismo, specchio in cui maschile e femminile giocano ad avere punti di vista differenti ma medesima attitudine alla funzionalità e al buon gusto, intrecciare alla magia dell’alta sartoria la geometria delle forme, trasformare il minimale in essenziale, fare di ogni capo di moda un irrinunciabile, evergreen che supera tempo e spazio e crea un ponte tra classico e modernità, raffinatezza d’antan ed energia metropolitana. Victorvictoria cuce i desideri di eterni curiosi e instancabili visionari e li trasforma in sogni.